venerdì 13 gennaio 2017

Where's The Poet: "All'Inverno" di William Blake





All'Inverno


O Inverno! Spranga le tue porte adamantine:
Il nord è tuo; là nella fonda terra hai eretto
La tua oscura dimora. Non scuotere
I tuoi tetti, né le colonne col tuo carro di ferro.

Non mi ascolta e sull’abisso spalancato
Rotola greve. Le sue tempeste infuriano;
In una guaina d’acciaio, non oso alzare gli occhi
Perché ha levato in alto il suo scettro sul mondo.


Guarda! Un orrido mostro, la cui pelle aderisce
Alle sue forti ossa, corre sulle gementi rocce:
Riduce tutto al silenzio, e la sua possente mano
Spoglia la terra, e congela la fragile vita.

Prende posto sulle scogliere, il marinaio
Grida invano. Povero diavolo! Egli fronteggia
Le tempeste, finché il cielo non sorride e il mostro
Torna urlando alle sue caverne nel monte Hekla.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------


È arrivato l'inverno. O come meglio dicono in Game of Thrones, "Winter is here."
E non ho scelto una citazione a caso: questo canto mi evoca scenari epici, apocalittici. Mi sembra di vederlo, il povero diavolo che urla alla tempesta dalla scogliera, con il vento che sferza e le onde che si infrangono, implacabili. Mi sembra di vederli, i mostri, il manto di neve che ricopre tutto e spranga ogni porta. Mi sembra di sentirlo, il Nord. ("The North remembers.")
Blake e George R.R. Martin. Un bel miscuglio, eh?

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 To Winter



O Winter! bar thine adamantine doors:
The north is thine; there hast thou built thy dark
Deep-founded habitation. Shake not thy roofs
Nor bend thy pillars with thine iron car.

He hears me not, but o’er the yawning deep
Rides heavy; his storms are unchain’d, sheathed
In ribbed steel; I dare not lift mine eyes;
For he hath rear’d his scepter o’er the world.

Lo! now the direful monster, whose skin clings
To his strong bones, strides o’er the groaning rocks:
He withers all in silence, and in his hand
Unclothes the earth, and freezes up frail life.

He takes his seat upon the cliffs, the mariner
Cries in vain. Poor little wretch! that deal’st
With storms; till heaven smiles, and the monster
Is driven yelling to his caves beneath Mount Hecla.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Nessun commento:

Posta un commento