mercoledì 2 novembre 2016

Recensione: "Fangirl" di Rainbow Rowell


Un romanzo di formazione, dolce e dolorosamente vero allo stesso tempo.




Editore: Piemme
Data di uscita: 18 ottobre 2016
Pagine: 513
Cartaceo: 17 € | Ebook (Kindle): 6,45 €
Genere: young adult, romance, contemporaneo



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Trama

Approdata all'università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fan fiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con un ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fan fiction siano solo un plagio e un compagno bellissimo che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita.

(da goodreads)

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Recensione


Ci sono vari tipi di scrittori, nel mondo.
Io appartengo alla categoria di Cath, la sognatrice introversa che si emoziona nel dare al pubblico storie su amori improbabili (nella mente dell'autore, in quella di una Fangirl NIENTE è improbabile) come hobby, a titolo completamente gratuito.
Passare alla scrittura di originali, dove i personaggi sono solo tuoi e se sbagli la colpa è solo tua, è un passo davvero, davvero difficile da intraprendere.
Quando ho letto questo libro, qualche anno fa e in originale, non ero ancora pronta e ora eccomi qua, a partecipare al NaNoWriMo e pronta a prendere il volo verso la maternità letteraria.



Cath compie un percorso simile, sebbene non arriviamo mai veramente a vederlo compiuto.
Ma non è questo davvero il punto, il sapere cosa succede dopo, se Cath riuscirà a smettere di scrivere di Simon e Baz oppure no (Io dico di no. Come non smetterò mai di scrivere io di alcuni tizi di nostra conoscenza, nonostante le originali in parallelo).
Il percorso di Cath riguarda più la vita stessa.
“Nelle situazioni nuove, tutte le regole più difficili sono quelle che nessuno si prende la briga di spiegarti. (E quelle che non puoi cercare su Google.)”


La incontriamo incapace di scendere in mensa a mangiare perché non sa dove sia e non ha nessuno a cui chiederlo, né vuole averlo. La troviamo triste per l'allontanamento della sorella Wren, verso la quale ha un attaccamento leggermente ossessivo, uno di quei proverbiali cordoni ombelicali da recidere.
È pantofolaia, pigra, single, e, diciamolo, patetica (parole della coinquilina, Regan, non mie), quindi guardarla evolversi e uscire dal suo bozzolo è un percorso che compi insieme a lei.


“Mi fai pena, e diventerò tua amica.""Non voglio essere tua amica," Cath disse, il più severamente possibile. "Mi piace che non siamo amiche.""Piaceva anche me. Mi spiace che tu abbia rovinato tutto col tuo essere così patetica.”


E poi... beh, e poi c'è Levi.
Credo di essermi innamorata poche volte di personaggi letterari contemporanei come è successo con lui. Sono sempre stata per i ragazzi ombrosi, cupi, potenzialmente pericolosi. E poi arriva questo raggio di sole che con il suo sorriso ti rischiara l'anima. Oh, Levi.


“Il sorriso di Levi si liberò e gli divorò interamente la faccia. Cominciò a divorare anche la sua, di faccia. Cath fu costretta distogliere lo sguardo.” 


In definitiva, "Fangirl" è un libro da non perdere. Fa ridere, sorridere, a volte tra le lacrime, perché anche la voce interiore di Cath è una scrittrice, e in quanto tale sa rendere bene le emozioni dei personaggi e le situazioni.
Spero di avervi intrigata abbastanza, perché è una di quelle storie che amo talmente tanto che andrei a bussare di porta in porta pur di convincere altre persone a leggerla. Quindi, obbedite e filate a farlo!
[Recensione basata sulla lettura del libro in lingua originale]



Livello "Ship"


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Recensione di


Nessun commento:

Posta un commento