venerdì 28 ottobre 2016

Recensione: "La corona di fuoco" di Sarah J. Maas

Il terzo capitolo della saga fantasy Il Trono di Ghiaccio ci porta alla scoperta di nuovi mondi, nuovi personaggi e nuove sfide.

"La corona di fuoco" di Sarah J. Maas

Serie: Il Trono di Ghiaccio #3

Titolo originale: Heir of fire
Editore: Mondadori (Chrysalide)
Data di uscita: 25 ottobre 2016
Pagine: 480
Cartaceo: 16,92 € | Ebook (Kindle): 9,99 €
Genere: fantasy, young adult

----------------------------------------------------------------------

Trama



Sopravvissuta a duelli mortali e a un dolore inconsolabile, Celaena Sardothien è ora in viaggio verso una nuova terra dove affronterà una verità che potrebbe cambiarle la vita, e il futuro, per sempre. In questo capitolo della saga, Celaena dovrà fronteggiare forze oscure e mostruose, ma prima sarà costretta a sconfiggere i propri demoni interiori e a fare i conti con un amore impossibile che le ha spezzato il cuore. Mistero, romance, complotti di palazzo e magia si mescolano nel terzo episodio della saga epic-fantasy "Il trono di ghiaccio".

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Recensione


Se c’è una cosa che si può dire della Maas è che certo ha il coraggio di prendere strade meno battute e provare cose nuove. Nella maggior parte dei casi, è quello che funziona nei suoi libri. Talvolta, però, è anche quello che rischia di renderli frustranti, e non necessariamente nel senso buono del termine. “La corona di fuoco”, per me, è stato uno di quei casi. Il mondo, la storia, i personaggi sono avvincenti come sempre, ma devo dire che questo terzo capitolo mi ha, purtroppo, lasciato con un po' di amaro in bocca. 

“La corona di fuoco” abbandona la corte del castello di vetro come ambientazione principale e trasporta altrove gran parte della storia, nel continente di Wendlyn, dove la magia esiste ancora. Ci ritroviamo così divisi tra tre diverse ambientazioni: da una parte abbiamo Celaena, ancora distrutta dal dolore per la perdita di Nehemia, alle prese con il ritrovare il contatto con la propria natura magica e l’eredità che pesa su di lei; a Rifthold invece rimangono Chaol e Dorian, a investigare sulle oscure macchinazioni del re; e ancora altrove, nella crepa di Ferian, streghe e creature mitologiche si radunano per dare guerra sotto il comando del re.

Ammetto di aver trovato la narrazione molto più lenta del solito. Il ritmo incalzante impostato dai libri precedenti qui finisce per perdersi un po' nel continuo saltare da una parte all’altra. 

Il lato positivo è che la mitologia si espande e il cast di personaggi pure, dandoci una storia ancora più complessa e intrecciata, che risponde ad alcune domande e ne pone di nuove; ma, a dispetto di alcune nuove introduzioni particolarmente riuscite, il risvolto negativo è purtroppo quello di rischiare di perdere contatto con il set di personaggi e relazioni che ormai sono già entrati nel cuore dei lettori.

La mia amarezza nasce proprio qui. Da fan di Chaol e Celaena non posso non sentirmi delusa per il risvolto preso dalla loro relazione. Aspettavo con molta impazienza di vedere in che modo il loro rapporto si sarebbe approfondito ed evoluto alla luce degli eventi e della rivelazione del secondo libro, ma invece la sensazione che ho avuto è stata quella di un brusco cambio di direzione, che mette in disparte Chaol per poter spianare il terreno a uno nuovo interesse amoroso. 

Per quanto Rowan sia un bel personaggio e la sua chimica con Celaena sia innegabile, per quanto sia facile lasciarsi conquistare anche da questa nuova romance, io sono lo stesso rimasta molto frustrata. Sopratutto considerando che la dinamica tra Rowan e Celaena non è molto dissimile da quella che lei già aveva con Chaol: un mentore riluttante con cui inizialmente si scontra, per poi sviluppare a poco a poco una forte amicizia che porterà in futuro a qualcosa di più.

Probabilmente era la cosa migliore per il percorso interiore di Celaena, e la maturazione che la porta ad abbracciare la sua eredità e il suo destino, ma se ripenso a quanto ho amato lei e il Capitano in "La corona di mezzanotte" la cosa è davvero difficile da mandare giù.


Manon e Abraxos - Fan art
Una cosa che ho invece amato tantissimo è Manon Blackbeak, erede designata del suo clan e leader delle temibili Tredici, la spietata strega che inizia a imparare il valore della compassione. Anche se le parti dedicate a lei rimangono quelle più scollegate dal resto della narrazione (immagino che siano in preparazione di eventi futuri) sono state lo stesso quelle che mi sono ritrovata ad aspettare con più impazienza. E diciamolo, ci vuole talento per prendere un personaggio crudele e senza alcuna morale, un nemico designato dei protagonisti che già amiamo, e renderlo uno dei più interessanti e sfaccettati di tutto il libro, e con cui è più facile empatizzare. Non so cosa dica questo di me (ormai, quando si tratta di libri e serie tv mi sa che la morale l’ho già mandata a quel paese da un pezzo), ma mi sono davvero innamorata di Manon. Lei e il suo Abraxos sono meravigliosi, e forse una della cose che più mi invoglia a continuare a leggere a dispetto della frustrazione shipperistica che questo terzo libro mi ha lasciato.

[Recensione basata sulla lettura del libro in lingua originale]



Livello "Ship"



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Recensione di

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Altri libri della serie "Il Trono di Ghiaccio":


#0.1 L'Assassina e il Signore dei Pirati (The Assassin and the Pirate Lord) - Novella

#0.2 The Assassin and the Healer - Novella inedita in Italia, contenuta nell'edizione unica in prossima uscita

#0.3 L'Assassina e il Deserto (The Assassin and the Desert) - Novella

#0.4 L'Assassina e il Male (The Assassin and the Underworld) - Novella

#0.5 L'Assassina e l'Impero (The Assassin and the Empire) - Novella

#01-0.5 La Lama dell'Assassina (The Assassin's Blade) - Edizione unica delle novelle prossimamente in uscita in Italia da Mondadori (Chrysalide)

#1 Il Trono di Ghiaccio (Throne of Glass) - Edito in Italia da Mondadori (Chrysalide)

#2 La Corona di Mezzanotte (Crown of Midnight) - Edito in Italia da Mondadori (Chrysalide)

#3 La Corona di Fuoco (Heir of Fire) - Prossima uscita italiana il 25 ottobre 2016

#4 Queen of Shadows - Inedito in Italia

#5 Empire of Storms - Inedito in Italia

#6 Senza titolo - Uscita internazionale prevista nel 2017

Nessun commento:

Posta un commento